• Bookmaker Bonus
  • Decreto Dignità - Cosa significa per i giocatori di scommesse?
Decreto Dignita
Articolo

Decreto Dignità - Cosa significa per i giocatori di scommesse?

21 gennaio 2019

Il Decreto Dignità, introdotto dal Vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio è ormai in vigore da diversi mesi e per questo motivo abbiamo deciso di fare un resoconto della situazione che sembra complicarsi con il passare dei mesi. In questo articolo vogliamo chiarire come questo nuovo Decreto andrà a ripercuotersi sui giocatori di scommesse sportive e casinò online.

Cosa è il Decreto Dignità?

Partiamo con un breve riassunto di cosa è stato vietato con l’introduzione del Decreto, specificatamente leggendo l’articolo 9 che parla delle scommesse sportive. Dal 14 luglio 2018, il Decreto Dignità prevede il divieto di qualsiasi forma di pubblicità legata alle scommesse o giochi con vincite di denaro e ovviamente anche il gioco d’azzardo su qualsiasi mezzo che include:

  • Trasmissioni televisive o radiofoniche
  • Manifestazioni sportive, artistiche e culturali
  • Pubblicazioni generali
  • Affissioni
  • Stampa quotidiana e periodica
  • Canali informatici digitali e telematici
  • Social Media

Mentre restano escluse dal divieto le lotterie nazionali, le manifestazioni locali ed i loghi sul gioco sicure e responsabile dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Ma tutto ciò sembra aver avuto un effetto più per le società che per la persona privata che vuole spendere il proprio tempo libero rilassandosi con una bella giocata mentre si segue la partita in televisione. A dire il vero difficilmente si può pronosticare cosa cambierà per i giocatori, anche perché questo divieto ha suscitato tante discussioni da parte dei bookmaker che ora preferiscono investire in altri paesi europei.

Bookmaker

Questo tipo di pubblicità allo stadio non sarà più permessa.

Le conseguenze del Decreto Dignità

Allora, dividiamo il tutto in punti positivi e negativi, iniziando con quelli negativi anche perché a me personalmente piace chiudere con dei commenti positivi.

Negativo:

  • Meno investimenti nel reparto marketing sul territorio italiano da parte dei siti scommesse e dunque secondo noi anche meno promozioni di cui poter usufruire. Non spariranno completamente ma siamo abbastanza sicuri che alcuni book smetteranno di pubblicare delle promozioni allettanti per attirare nuovi giocatori.
  • Bonus scommesse e bonus benvenuto meno attraenti con importi bonus molto più bassi e requisiti di puntata più difficili da raggiungere. Possiamo prendere come esempio il bonus benvenuto di Betway che prima del Decreto era del 100% fino a 100€, poi abbassato a 100% fino a 50€ e attualmente si trova a 100% fino a 10€ + 240€ divisi da tranche di 10€ ogni settimana per 6 mesi.
  • Bookmaker emergenti di ottima qualità non saranno interessati ad entrare sul territorio italiano non avendo nessuna possibilità di usare metodi di pubblicità per farsi conoscere.
  • Meno investimenti negli sport e maggiormente nel calcio con una stimata perdita di oltre 25M € per le squadre di calcio di Serie A che si ritrovano ulteriori passi indietro nel riportare il campionato italiano al top d’europa. Punto che non va direttamente ad influenzare lo scommettitore italiano ma le partite di calcio seguite in Italia.

Positivo

  • L’unico fatto positivo, che non è certamente da sottovalutare, è l’intenzione di ridurre la quantità di giovani che vengono attratti dal mondo delle scommesse con tutte le pubblicità che si vedono in tv durante le partite di calcio.
Siti Scommesse

Dalla prossima stagione non ci saranno più sponsor dal betting per squadre di Serie A.

L'obiettivo del Decreto Dignità

L’intero movimento del Decreto di Di Maio si avvolge intorno l’idea di combattere la ludopatia. Ovviamente, difficilmente possiamo immaginarci come qualcuno che gioca alle scommesse sportive possa smettere giusto perché non si vedono più delle pubblicità dei vari siti scommesse. Anche perché il Decreto non dice nulla su tutte le slot machine presenti nei vari bar e sale gioco in Italia, problema di dipendenza che notiamo ogni giorno quando andiamo a prenderci il caffè. Per i giovani ragazzi che diventano maggiorenni e dunque eleggibili al gioco online, la mancanza di pubblicità sui vari canali mediatici può sicuramente diminuire l’interessamento ma non sarà mai azzerato.

Un ulteriore obiettivo può sembrare l’intenzione di trascurare le società di gioco d’azzardo online estere e concentrarsi di più su quelle italiane come Snai, Sisal, Better Lottomatica o Gioco Digitale. Diversi bookmaker esteri infatti hanno già deciso di lasciare il territorio italiano e investire su quello spagnolo. Per gli scommettitori professionali, non una decisione molto gradita, anche perché i book italiani ancora non sono al livello di quelli inglesi con funzioni come il cash out o soltanto per le quote più basse.

Condividi

Commento